lunedì 22 gennaio 2018

Recensione: "Il ponte tra me e te" di Arizona Ross

Trama


Percorrendo il ponte di Brooklyn, Rose ricorda il primo anno in cui ha vissuto a New York, nel quale ha conosciuto l'amore, le prime soddisfazioni professionali, ma anche la sofferenza più devastante.È il 2000 quando Rose, diciottenne, si trasferisce a Manhattan per studiare architettura alla Columbia University. Una sera Rose salva Eric Jones, un ragazzo affascinante e al tempo stesso tormentato, dall'accusa di rissa. Eric, schivo e misterioso, si rivelerà in seguito un forte punto di riferimento per la vita di Rose, riuscendo a comprenderla dal profondo e spronandola a dedicarsi a ciò che desidera fare realmente: l'autrice di canzoni. I due vivranno una intensa e turbolenta storia d'amore sullo sfondo della Grande Mela, fino a quando le vite dei due giovani si imbatteranno in un imprevedibile e tragico evento, destinato a cambiare per sempre la storia dell'umanità.

lunedì 15 gennaio 2018

Recensione: "Nephilim" di Valerio La Martire


Trama


Non puoi scegliere di nascere Celestiale.
Puoi solo scegliere dove volare.

La tregua era stata stipulata. Dopo quattromila anni i Nephilim Celestiali e i Nephilim Infernali avevano deposto le armi spartendosi le Americhe. Ma la pace era stata conquistata a caro prezzo. L’alleanza dei Celestiali con la razza immonda dei Demoni aveva infranto equilibri antichi che non dovevano essere toccati.
Creature più potenti e pericolose dei Nephilim sono ora entrate in gioco e non è la pace il loro obiettivo. Nessuno, nemmeno il loro creatore, avrebbe invece potuto immaginare l’amore tra un Infernale e un Celestiale.

martedì 5 dicembre 2017

Recensione: "Wonder Woman - Le origini" di Leigh Bardugo

Trama


Diana è una giovane principessa amazzone e vive su un’isola sperduta, protetta da quanto accade lontano da Themyscira, la sua casa. Alia è una ricca ragazza newyorkese, orfana di due famosi biologi. Due mondi agli antipodi, due vite completamente diverse… almeno fino a quando la nave di Alia naufraga proprio sulle coste amazzoni, e Diana la salva. Presto sull’isola iniziano a scatenarsi tempeste e terremoti e una strana febbre si diffonde tra le sue abitanti, spingendo Diana a consultare l’Oracolo. La sua rivelazione è sconcertante: Alia non è una giovane qualunque, bensì una Warbringer, ovvero l’erede della stirpe di Elena di Troia destinata a portare guerra e distruzione. Ucciderla o purificarla, queste sono le uniche alternative per salvare il pianeta. Prima come improbabili alleate e poi come amiche, le due ragazze si troveranno costrette loro malgrado a unire le forze e ad affrontare insieme nemici potenti e persino divinità antiche, nel tentativo di liberare Alia da questo terribile destino. E con lei il mondo intero.

mercoledì 1 novembre 2017

It's NaNoWriMo time!





NaNoWriMo (National Novel Writing Month), una sigla che scrittori e scribacchini associano a pianti disperati, dosi elevate di caffeina e polpastrelli consumati sulle tastiere di tutto il mondo.  Perché il NaNoWriMo è un evento in cui si scrive – o, almeno, ci si prova – per l'intero mese di novembre, con l'obiettivo di arrivare a 50 000 parole. Semplice, certo. Finché non arriva il primo giorno del mese. E allora via con pianificazioni, trame, improvvisazioni, magari seguendo i consigli di scrittori più o meno celebri che, con i loro Pep Talks, tentano di motivare noi poveri comuni mortali.

Perché sottoporsi a questa tortura, quindi?

Perché l'energia del NaNoWriMo è unica: si incontrano virtualmente altri scrittori, ci si confronta, si rimboccano le proverbiali maniche e si scrive più di quanto non si farebbe normalemente, soprattutto se non si ha una routine collaudata. Alla fine di novembre, che si vinca questa sfida con se stessi o che si scrivano poche migliaia di parole, sarà comunque una grande soddisfazione averci provato.
Noi del Bitchy vi terremo compagnia sul gruppo facebook con le nostre disavventure! 
Ecco da dove partiamo...



giovedì 26 ottobre 2017

Ideare i personaggi




Oggi per la rubrica di scrittura parliamo di personaggi! In un video, Donnie ci parla di come nasce un personaggio, dal concepimento della sua idea fino ai vari passaggi che aiutano a renderlo più reale.

Buona visione!

giovedì 19 ottobre 2017

Narrare significa scegliere




Quando abbiamo pensato di inserire questa rubrica di scrittura nel blog, ci siamo ripromesse di far sì che diventasse una sorta di finestra aperta sul mondo della scrittura, un luogo in cui poter condividere esperienze e consigli. Non staremo qui a dirvi cosa dovreste o non dovreste fare, non sta a noi stabilire le regole del gioco, ovviamente. Vi racconteremo cosa abbiamo imparato nel corso degli anni che abbiamo dedicato alla scrittura, condivideremo con voi ciò che per noi ha funzionato nella speranza che possa esservi di aiuto e che serva, magari, come spunto di riflessione e di confronto.

Dopo questa premessa, è il momento di giungere alla ragione ultima di questo primo articolo, ossia iniziare a parlare di scrittura e, nel caso specifico, di come si arriva alla stesura di un romanzo.
Abbiamo pensato di partire proprio dall’inizio, da quel primo istante in cui un’idea comincia a installarsi nella mente di uno scrittore (o aspirante tale) e, giorno dopo giorno, si amplia fino ad assumere i contorni di personaggi che si muovono e parlano tra i nostri pensieri, dando vita a relazioni e azioni che – se siamo fortunati – ci appassionano e ci coinvolgono fino a pensare che, magari, potrebbe trasformarsi in una buona storia da condividere anche con qualcun altro.

mercoledì 18 ottobre 2017

www Wednesday #1


Ebbene sì, lanciamo anche noi il “www Wednesday”, il mercoledì dedicato a condividere le letture settimanali: quelle in corso, quelle appena finite, e quelle più prossime nell'infinita lista delle cose “da leggere” (che, chissà perché, più uno legge, più continua ad allungarsi: me lo spiegate questo mistero??).

lunedì 16 ottobre 2017

Recensione: "Magic" di V. E. Schwab


Trama


Kell è uno degli ultimi maghi rimasti della specie degli Antari ed è capace di viaggiare tra universi paralleli e diverse versioni della stessa città: Londra. Ci sono infatti la Rossa, la Bianca, la Grigia e la Nera, dove accadono cose diverse in epoche differenti. Kell è cresciuto ad Arnes, nella Londra Rossa, e ufficialmente è un ambasciatore al servizio dell’Impero Maresh, in viaggio alla corte di Giorgio III nella Londra Bianca, la più noiosa delle versioni di Londra, quella senza alcuna magia. Kell in verità è un fuorilegge: aiuta illegalmente le persone a vedere anche solo piccoli scorci di realtà che non potrebbero mai vedere. Si tratta di un hobby molto rischioso, però, e adesso Kell comincia a rendersene conto. Dopo un’operazione di trasporto illegale andata storta, Kell fugge nella Londra Grigia e si imbatte in Delilah, una strana ragazza che prima lo deruba, poi lo salva da un nemico mortale e infine lo costringe a seguirla in una nuova avventura. Ma la magia è un gioco pericoloso e se si vuole continuare a giocare prima di tutto bisogna imparare a rimanere vivi…

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------


Recensione


Warning: fangirling ahead.

Shades of magic è una delle mie saghe fantasy preferite degli ultimi anni, e quando ho visto che sarebbe arrivata anche in Italia ho fatto un piccolo saltello interiore di gioia perché


Finally!

Insomma: quattro diverse Londre in quattro universi paralleli, un mago viaggiatore dal passato misterioso, una ladra con ambizioni da pirata, un affascinante principe dal cuore d’oro, e regnanti gemelli sadici e malvagi sono solo alcune delle cose che rendono questa serie imperdibile per gli amanti del fantasy.

venerdì 13 ottobre 2017

Magnus e Alec aka Malec



Oggi vorrei approfittare della rubrica Friday I’m in Love per dimostrare che non sono una bisbetica inacidita che odia tutto e tutti come si potrebbe pensare leggendo i miei ultimi pezzi: so amare
l’ammore, loggiuro!



lunedì 9 ottobre 2017

Recensione: "Absence. Il gioco dei quattro" di Chiara Panzuti


Trama


Viviamo anche attraverso i ricordi degli altri. Lo sa bene Faith, che a sedici anni deve affrontare l’ennesimo trasloco insieme alla madre, in dolce attesa della sorellina. Ecco un ricordo che la ragazza custodirà per sempre. Ma cosa accadrebbe se, da un giorno all’altro, quel ricordo non esistesse più? E cosa accadrebbe se fosse Faith a sparire dai ricordi della madre?
La sua vita si trasforma in un incubo quando, all’improvviso, si rende conto di essere diventata invisibile. Nessuno riesce più a vederla, né si ricorda di lei. Non c’è spiegazione a quello che le è accaduto, solo totale smarrimento.
Eppure Faith non è invisibile a tutti. Un uomo vestito di nero detta le regole di un gioco insidioso, dove l’unico indizio che conta è nascosto all’interno di un biglietto: 0°13’07’’S 78° 30’35’’W, le coordinate per tornare a vedere.
Insieme a Jared, Scott e Christabel – come lei scomparsi dal mondo – la ragazza verrà coinvolta in un viaggio alla ricerca della propria identità, dove altri partecipanti faranno le loro mosse per sbarrarle la strada. Una corsa contro il tempo che da Londra passerà per San Francisco de Quito, in Ecuador, per poi toccare la punta più estrema del Cile, e ancora oltre, verso i confini del mondo.